My HomageS

perchè con l'età le passioni germogliano sempre più rigogliose anzichè appassire?

Archive for settembre, 2015

Day’s Quotes #20150929

Veronica: Qualcosa non va?
Logan: Non ce la faccio più, Veronica. Sai, ci ho pensato e… non funziona. Non penso di essere all’altezza… della persona che tu vuoi che io sia, e non sopporto più di sentirmi una delusione per te.
Veronica: Logan, io non…
Logan: Ehi, lasciami finire, ok? E c’è un’altra cosa… mi hai detto che non sei fatta per essere aiutata dagli altri.
Veronica: Non è esattamente quel che ho detto…
Logan: Quasi. E sai cosa? Io non sono fatto per stare in panchina. Non lo so, penso che abbiamo una scelta. Possiamo scegliere tra una dura… ma sopportabile sofferenza adesso… o stare insieme… e affrontare una sofferenza insopportabile in futuro. Dunque, io scelgo di soffrire adesso. Ma ci sarò sempre… se hai bisogno di qualcosa. [la bacia sulla fronte] Ma tu non hai mai bisogno di niente.

(Logan & Veronica – Veronica Mars #3×09)

  • Commenti disabilitati su Day’s Quotes #20150929
  • Filed under: WordPress
  • Day’s Quotes #20150927 (takes two)

    Logan: Di nuovo sola?
    Veronica: Ovviamente.
    Logan: Io… ehm, io ti capisco.
    Veronica: Tu? Anfitrione del miglior ballo privato di rimpiazzo di sempre? Sono certa che puoi trovare una svampita per te. […] Questa canzone mi piace moltissimo.
    Logan: Sai, mi sorprendi, Veronica. Ed essendo una fine osservatrice dell’animo umano, pensavo che leggessi le persone meglio di così. Insomma, una svampita? Non sono più così.
    Veronica: Quindi, come sei ora?
    Logan: Sai… tormentato. Da quando mi hanno spezzato il cuore.
    Veronica: Hannah ti aveva davvero ammaliato, eh?
    Logan: Avanti, sai bene che non sto parlando di Hannah. Pensavo che la nostra storia fosse epica, sai? Tu ed io.
    Veronica: Epica in che senso?
    Logan: Solcare anni e continenti, vite bruciate, carneficine… epica. Ma tra poco comincia l’estate, e non ci rivedremo mai più. E poi tu lascerai la città, e poi… poi sarà finita.
    Veronica Logan…
    Logan: Mi dispiace… per l’estate scorsa. Sai, se potessi rifarlo-
    Veronica: Avanti. Vite bruciate, carneficine?! Pensi davvero che una relazione debba essere così difficile?
    Logan: Nessuno scrive canzoni su quelle serene.

    (Logan & Veronica – Veronica Mars #2×20)

  • Commenti disabilitati su Day’s Quotes #20150927 (takes two)
  • Filed under: WordPress
  • Day’s Quotes #20150927

    《Che c’è di diverso in te? Ti sei tagliata i capelli o roba del genere? Per tua informazione, se le coccole sono state la parte migliore, non l’ha fatto bene.》

    (Logan – Veronica Mars #2×02)

  • Commenti disabilitati su Day’s Quotes #20150927
  • Filed under: WordPress
  • Day’s Quotes #20150925

    Logan: Amavo Lilly, e Lilly amava i ragazzi.
    Veronica: Logan, sai lei…
    Logan: No, lei diceva che i suoi genitori adoravano Duncan e tolleravano lei. E se non poteva compiacerli avrebbe trovato la maniera per farli impazzire. Weevil era perfetto per questo.
    Veronica: So che Lilly ti amava.
    Logan: Sì, ma non come io amavo lei. Mi sta bene. No, sai, è come se mi sganciasse in qualche modo. Non sono più costretto a sentirmi in colpa.
    Veronica: In colpa perché?
    Logan: Perché sto andando avanti. (la bacia)

    (Logan & Veronica – Veronica Mars #1×19)

  • Commenti disabilitati su Day’s Quotes #20150925
  • Filed under: WordPress
  • VeLo 💖

    image

  • Commenti disabilitati su VeLo 💖
  • Filed under: WordPress
  • Si stava protendendo verso la tazza di tè quando un’ombra la oscurò.
    Alzò lo sguardo.
    Takashi O’Brien.
    Ovvio.
    Lì in piedi, a guardarla.
    E Summer scoppiò a piangere.
    L’uomo scostò il lavoro a maglia, lasciandolo cadere sull’erba, quindi si gettò ai suoi piedi in ginocchio, le cinse la vita con le braccia e le seppellì il capo in grembo.
    Tremava.
    Le lacrime scesero lungo il volto di Summer, ricaddero su di lui mentre gli accarezzava i lunghi capelli serici e piangeva.
    Non le importava di come suonasse quel momento ‒ singhiozzi, gemiti strozzati. Anche lei tremava, scossa da quel pianto liberatorio, estremo.
    Taka si tirò indietro sedendosi sui calcagni e la fece scendere dalla sedia, attirandosela tra le braccia, tenendola così stretta che una donna più esile si sarebbe potuta far male.
    Le sussurrava dolci parole d’amore in giapponese, lasciandola piangere.
    Era una donna forte, e quelle lacrime a lungo negate la rendevano solo più forte.
    Il cuore di lui pulsava contro il suo, le mani ferme e affettuose mentre le toglievano i capelli dal viso inondato di lacrime.
    Quando la baciò, ormai Summer non riusciva più a respirare… e non gliene importava nulla.

    (estratto dal capitolo finale)

  • Commenti disabilitati su “Cuore di Ghiaccio” di Anne Stuart
  • Filed under: WordPress
  • Categories

    Links


    Archives


    Meta