My HomageS

perchè con l'età le passioni germogliano sempre più rigogliose anzichè appassire?

Archive for Giugno, 2008

Day’s Quote #20080626

"Io… ti amo, lo sai? Non te l’ho mai detto… ma… ti amo… ti amo… Tu non sai quanto… mi manchi… da morire… Dimmi… mi vuoi? Dimmelo… ti prego… mi vuoi?"

(Jacko in "Odyssea #3")

  • 3 Comments
  • Filed under: Splinder
  • Non capisco…

    Se sono una delle eroine più STR della storia della TV, com’è che mi ritrovo il fidanzato migliore di tutti?!?

  • Commenti disabilitati su Non capisco…
  • Filed under: Splinder
  • Day’s Quote #20080618

    […] Una mano gli calò sulla spalla come un’incudine: "Cosa ne direbbe di restare per cena?"
    Buch alzò gli occhi. Il tizio che aveva parlato portava un berrettino da baseball e aveva un segno – un tatuaggio? – sulla faccia.
    "Cosa ne direbbe di essere lei la cena?" disse un altro che sembrava una specie di modello. […]

    (tratto da "Dark Lover" di J.R.Ward)

  • Commenti disabilitati su Day’s Quote #20080618
  • Filed under: Splinder
  • Send Your Name to the Moon

    Ecco un servizio molto originale creato dalla NASA denominato “Send Your Name to the Moon”; un sito che ci consentirà di inviare il nostro nome sulla Luna al prossimo lancio della sonda spaziale LRO, previsto per il mese di ottobre 2008.

    La NASA ha costruito questo sito per dare la possibilità chiunque di partecipare all’avventura lunare piazzando i propri nomi in orbita attorno alla Luna per gli anni a venire.

    I partecipanti possono sottoporre i loro dati (nome e cognome) e stampare il proprio certificato di partecipazione (oppure scaricare il .pdf) e avere così il loro nome inserito nel database.

    Quest’ultimo verrà poi posto su un microchip, che a sua volta verrà piazzato sulla sonda LRO.

    Il termine di partecipazione è stato fissato per il 27 giugno.

    Clicca qui per inviare il tuo nome sulla Luna!

    (fonte www.fainotizia.it)

  • 1 Comment
  • Filed under: Splinder
  • … di test scemi, intendo!

  • Commenti disabilitati su era da un bel pò che non ne facevo…
  • Filed under: Splinder
  • di Luca Sartoni (link al suo blog)

    Pochi giorni fa, Stefano Epifani (un amico di Luca Sartoni, N.d.Y.) si poneva una domanda.
    Molto semplicemente, si interrogava sul motivo per il quale fosse normale per un qualunque informatico essere al centro delle attenzioni dei propri amici, parenti, vicini di casa, colleghi di lavoro, sconosciuti, ogni qualvolta essi siano di fronte ad un problema con il proprio PC.
    Questa domanda mi è entrata in testa e dopo averci pensato molto intensamente, ho riassunto i miei ragionamenti in 7 principali motivi per cui questo succede:

    1 – Luogo
    Non esiste, molto spesso, una locazione precisa in cui l’informatico opera. Si è informatici in ogni luogo ci sia un PC sul quale mettere le mani o anche solo un pezzo di carta dove scrivere qualcosa.
    Molti informatici lavorano in ufficio ma non smettono di essere tecnologici quando escono dalla porta. Arrivano a casa degli amici per una cena e spesso si ritrovano seduti davanti ad un PC infestato dagli ultracorpi senza neanche capire come.
    Una volta, durante una festa di compleanno, a casa di un amico ho ricompilato un kernel linux tra una patatina fritta e una fetta di torta. Ho testimoni.

    2 – Tempo
    Così come il luogo, il tempo gioca un ruolo fondamentale nelle vessazioni e sfruttamenti sociali che l’informatico è costretto a subire.
    Un informatico che si rispetti non timbra il cartellino e pensa ad algoritmi anche quando sta guidando in mezzo al traffico. Questo lo porta a ricevere telefonate nei momenti più assurdi e a non sentirsi un idiota (eventualmente solo a lavoro concluso) ad andare a casa di un conoscente per sistemare una stampante che fa i capricci.

    3 – Entusiasmo
    Una cosa che contraddistingue gli informatici è l’entusiasmo con cui affrontano alcuni problemi. Soprattutto quelli degli altri.
    Mi è capitato molto spesso in gioventù di andare a casa di conoscenti a sistemare i loro computer. Onestamente ero contento di farlo. Magari ad una certa età mi sono stufato, ma all’inizio era molto divertente. Su questo entusiasmo sopravvivono i rompiscatole. Se venisse a mancare, morirebbero come l’erba con il sale.

    4 – Formazione specifica
    Un medico ha almeno 10 anni di formazione specifica alle spalle. Inoltre è specializzato in un campo. Cardiologia, andrologia, ortopedia eccetera. Difficilmente un medico affronta qualsiasi questione gli venga sottoposta con la stessa sicurezza. L’informatico no. L’informatico sa tutto di tutto. Problemi con la rete, Windows impastato di virus e malware, database corrotti, filesystem asfaltati, monitor esplosi, ventole del case che fanno rumore. Tutto. Lui sa tutto.
    Ma che scuole ha fatto il vero informatico? E’ andato a lezioni private da Mac Gyver ed era compagno di banco ti Alan Turing?

    Questa domanda introduce il quinto motivo:

    5 – Essere o non essere?
    Tutti coloro che riescono ad andare oltre la pressione del tasto “Power” in maniera cosciente, sono informatici. Questo deriva dal fatto che non esista un percorso specifico per il ruolo informatico e che essere informatico sia un “essere” e non un “divenire”.
    “Essere” perchè informatici si nasce e non si diventa. Da piccolo montavo e smontavo lego, svitavo i rubinetti dei termosifoni, facevo autopsie agli elettrodomestici rotti.
    Da grande faccio la stessa cosa ma le mie vittime si chiamano Hardware e Software.

    6 – Oscura professione
    Gli informatici, da fuori, sono tutti uguali.
    Personaggi oscuri che passano la vita attaccati a delle diavolerie lampeggianti.
    Il fatto che queste diavolerie siano più diffuse delle carie dentale li rende estremamente utili al sistema ma necessariamente vessati in ogni modo dai rompiscatole.
    Inoltre gli informatici prendono qualsiasi problema di carattere tecnico come questioni personali e ne fanno sempre affari di Stato.
    Se la macchinetta del caffè si inceppa, loro non si preoccupano più dell’inserire caffeina all’interno delle loro vene, ma il loro mondo inizia a ruotare intorno alla modalità di lettura della chiavetta elettronica di dispensazione bevande.

    7 – Vile denaro
    Il vero informatico non si sporca le mani con il Vile Denaro. L’informatico non sa che farsene della moneta sonante se prima non ha deframmentato il disco del vicino di casa.
    Un luogo comune vuole che l’informatico applichi tariffe da capogiro. Peccato che il suo tassametro parta sempre in ritardo e si fermi sempre prima dell’arrivo. In questo modo due ore diventano una e una settimana di lavoro si estingue in poche centinaia di fagioli secchi.

    Qualcuno ha qualche altra motivazione valida?

    No, ma quoto tutto al 101%!

  • 2 Comments
  • Filed under: Splinder
  • uno zodiaco vecchio di 35 anni…

    Sagittario, Nov 22-Dic 21

    Il Promiscuo-Spontaneo

    Gran attrattiva.
    Difficile da trovare, ma grandioso una volta che lo trovi.
    Ama le relazioni lunghe.
    Hanno molto amore da dare.
    Qualcuno con chi dovresti metterti.
    Molto bello.
    Molto romantico.
    Gradevole con tutte le persone.
    Il suo amore è unico, avvolgente, divertente e dolce.
    Ha un’attrattiva unica.
    La persona più affettuosa che conoscerai!
    Impressionanti in Quello!!!
    Non è la classica persona con la quale ti metteresti e finiresti piangendo, ha un cuore d’oro!

    Ma di chi stanno parlando?

  • Commenti disabilitati su uno zodiaco vecchio di 35 anni…
  • Filed under: Splinder
  • Categories

    Links


    Archives


    Meta